Review Ft. Old Times| #Misfits

Era un po’ che volevo scrivere un articolo, a metà tra una recensione sull’ultima stagione di Misfits e un viaggio sul viale dei ricordi delle prime puntate. Oggi che mi sentivo più malinconica del solito mi è sembrata una buona idea. Probabilmente scriverò cose senza senso ai più, come sempre.

misfits stagione 1Ho iniziato la serie perchè sentivo la mancanza di Skins, di qualcosa di british, di qualcuno di cui innamorarmi. Detto fatto, compaiono Iwan Rheon e Robert Sheehan sul mio schermo. Non mi sono più staccata.

Per chi fosse così pazzo da non aver dato una possibilità a Misfits (con l’indimenticabile sigla Echoes), la storia è più o meno questa:
un gruppo di ragazzi sono costretti ai lavori socialmente utili dopo essere stati arrestati per vari crimini (niente di troppo serio però). Nulla di strano e forse un po’ noioso, se non che durante un temporale, alquanto weird, vengono investiti da un fulmine e si trovano magicamente con dei poteri, l’aggiunta del termine super sta a voi deciderlo. Alcuni di questi powers non li vorrei nemmeno morta.
Probabilmente le vicende che uniscono i ragazzi sono il comune denominatore per classificare la serie come Teen Drama. Beh, io ho ancora qualche dubbio al riguardo, e sicuramente non riuscirò mai a identificare e catalogare in modo proprio Misfits. Poi, se voi volete far vedere ai vostri figli teenager questi disadattati fate pure, anzi probabilmente crescerebbero con più cervello di altri.

La serie, ambientata nell’immaginario quartiere di Wertham, è filmata nel quartiere londinese di Thamesmead tra i sobborghi di Greenwich e Bexley. La maggior parte delle riprese, come il tetto del centro dei servizi sociali, sono state effettuate a Southmere Lake. Questa locazione era già stata utilizzata in passato per le riprese all’aperto di Arancia meccanica, di Stanley Kubrick (e qua bisognerebbe già porsi delle domande…). Le scene al chiuso sono state invece girate nel vecchio campus della Brunel University, nei pressi di Runnymede.

Direi di fare un excursus sui fatti principali, lasciandoci trasportare sul viale di ricordi costellato molto probabilmente da più morte che felicità (sto solo scherzando!!Forse..).
SPOILER per chi non ha mai visto la serie.

Stagione 1.
I protagonisti sono Nathan Young (Robert Sheehan), Simon Bellamy (Iwan Rheon), Kelly Bailey (Lauren Socha non so se qualcuno ha mai notato la somiglianza con un certo Fante di nostra conoscenza aka Will di Once in Wonderland), Curtis Donovan (Nathan Stewart-Jarett) e Alisha Daniels (Antonia Thomas). Durante il primo giorno di lavoro ai servizi sociali vengono investiti da questo strano temporale che dona loro degli insoliti superpoteri. Anche Tony, l’assistente sociale che li sorveglia, subisce gli effetti del temporale, il problema è, che su di lui sembra abbia agito regalandogli una bella dose di psyco aggressività, i ragazzi chiaramente lo ammazzano.
tumblr_losr2fDzcp1qms0szo1_500Iniziano poi a scoprire i loro poteri: creepy Simon si rende conto di poter diventare invisibile, Kelly scopre di poter leggere i pensieri altrui (scoprendolo in un modo davvero carino), Curtis riesce a riavvolgere il tempo (beh ci prova almeno) e Alisha scatena, involontariamente, violente reazioni sessuali nei confronti di chi la tocca. Nathan però non scopre qual è il suo potere. Come se niente fosse successo seppelliscono Tony sotto quello che poi diventerà un cimitero personale, il cavalcavia. Fosse tutto semplice, invece arriva Sally, fidanzata di Tony, alla ricerca del promesso sposo.
Si scopre che naturalmente non solo loro hanno ricevuto i poteri, e devono affrontare una marea di situazioni bizzarre e a volte un  po’ dark, in uno stile che ormai riconosciamo ad un miglio di distanza come il marchio di fabbrica dello stesso Misfits. Simon si invaghisce di Sally…a lei non gliene frega niente,vuole solo scoprire la verità su Tony. Insomma, crepa anche lei.
A fine stagione incontrano una ragazza capace di manipolare i pensieri altrui. L’unico scampato è Nathan, che tenta di far ragionare tutti. Con il miglior discorso della storia. Inspiring!

Fato vuole che cada dal tetto rimanendo infilzato su una ringhiera.
E io già qua piangevo a dirotto, assieme a Kelly che si stava prendendo una cotta per quello scemo.
Ma avete mai sentito parlare di immortalità? Fantastico.

stagione2.
Aiutati da un misterioso uomo mascherato i quattro ragazzi rimasti scoprono che Nathan è di fatto ancora vivo, almeno così pare.

Nathan cerca di tornare quindi alla vita di sempre, scopre anche di avere un fratello, nato da una precedente relazione di suo padre con un’altra donna, ma questi muore poi nell’esplosione della sua macchina (ovviamente mica accidentale, ma causata da una ragazza pirocinetica che non è riuscita a controllare i propri poteri). Alisha invece cerca di scoprire chi è il misterioso uomo mascherato e perché, a differenza di tutti gli altri, è in grado di toccarla senza subire gli effetti del suo potere.
ImageGen.ashxUn altro colpaccio di scena..SuperHoodie non è altri che Simon, ma non un Simon qualunque, ma che viene dal futuro, per proteggerli e aiutarli con i duemila problemi che in pratica non finiscono mai.
Arriva anche Nikki, una ragazza che ottiene il dono del teletrasporto dopo aver subito un trapianto di cuore.
Facciamo anche l’importante conoscenza di Seth (Matthew McNulty), un tizio che è in grado di togliere e dare i poteri a chi sia interessato (ovviamente pagando, quando mai si fa del bene gratuitamente?). I ragazzi decidono di tornare alla loro vita normale, ma Nikki rimane uccisa e Curtis non può intervenire. I cinque allora tornano da Seth chiedendo indietro i poteri, e scoprono che non sono costretti a riotteneri i propri ma possono sceglierne tra alcuni di cui Seth è in  possesso.

stagione3. Uscita di scena del mio amato Robert Sheehan.

nathan las vegasViene mandato in onda l’episodio di addio a Nathan: Vegas Baby. Il pazzoide in questione ha aquistato il potere di alterare la realtà, così, assieme alla fidanzata Marnie e il figlio di lei, va negli Stati Uniti, a Las Vegas con l’intento di diventare ricco. Ovviamente inizia a barare al tavolo da gioco, grazie ai dadi e al suo superpotere…se non che astutamente vince con un 11, ottenuto da una combinazione di 4 e 7. Al croupier un dubbio viene, non avendo probabilmente mai visto un dado con il numero 7 su una faccia. Così Nathan viene arrestato e usa la sua telefonata per chiamare Simon, in Inghilterra, e farsi aiutare. Al telefono risponde Rudy (Joseph Gilgun), nuovo membro della gang, che non capendo chi stia cercando attacca. Ciao Ciao Young.
Rudy si unisce al gruppo di amici, ognuno dei quali ha acquistato un potere diverso: Kelly è diventata un’esperta in ingegneria aerospaziale, Alisha può vedere attraverso gli occhi delle altre persone, Simon ha il dono della preveggenza e Curtis può cambiare sesso (utilerrrrrrimo).

misfits stagione 3Anche lo stesso Rudy ha un potere: può letteralmente sdoppiarsi, mantenendo due personalità distinte: una più timida (Rudy Two, che amiamo dai!) e l’altra sfacciata (Rudy One, a cui alla fine ci siamo particolarmente affezionati). I guai non finiscon mai, il finale di stagione vede la morte di Alisha, e quindi il ritorno di Simon nel passato (ecco da dove arrivava il Simon del futuro), rimanendo bloccati in un loop in pratica per tutta la vita. Un modo carino per far uscire di scena altri due personaggi importantissimi e amati (i pianti che mi sono fatta..imbarazzante). Ora piangiamo insieme grazie.

stagioni4-5.

Diciamo ciao ciao anche a Kelly che ormai vive in Uganda e a Seth che la raggiunge (che vediamo solo nei primi due episodi, giusto il tempo di salutarlo). Rudy e Curtis sono gli unici che conosciamo, arriva così un nuovo assistente sociale (fantastico!) e altri due ragazzi, Finn (Nathan McMullen) che possiede il potere della telecinesi, ma non è molto abile nel controllare (fa proprio schifo dai!) e Jess (Karla Crome), una ragazza che può vedere attraverso le pareti.
Misfits-Season-3-Episode-7-Rudy-misfits-e4-27696535-500-260Come ogni stagione che si rispetti ne succedono di ogni, compreso l’arrivo di un terzo Rudy, uno psycoRudy per l’esattezza, e l’addio di un altro personaggio importante, Curtis, suicidatosi a seguito di uno zombie attack (non chiedete). Per non sentirne troppo la mancanza, negli ultimi episodi facciamo la conoscenza di Abbey (Natasha O’Keeffe), una ragazza un po’ strana e apparentemente senza potere. E anche Alex (Matt Stokoe), il barista figo.
Il finale vede arrivare i cavalieri dell’apocalisse (in bicicletta!!!), chiamati involontariamente da Nadine, la suora di cui Rudy si è innamorato. Ovviamente lei si sacrifica per salvare tutti. Mai una gioia. Mai!

L’ultima, con mio rammarico, stagione è sulla stessa linea d’onda delle altre. Forse non eccellente come le prime due, ma mantiene quel mood dark e un po’ grottesco che caratterizza Misfits. In più, ogni personaggio ha un arco narrativo davvero ben fatto, e chi non è riuscito ad affezionarsi ai personaggi già nella quarta stagione, ha avuto sicuramente un possibilità in più. Io l’ho fatto. E non ci avrei mai creduto.
Alex dopo un trapianto subito, ottiene un nuovo potere, quello di togliere i poteri agli altri tramite rapporti sessuali (a chi sarebbe mai venuto in mente?!!?), viene messo ai servizi sociali con il resto della gang, e per tutti gli episodi è in lotta contro il suo egoismo. Lotta che poi vince, capendo che può aiutare le altre persone, diventanto anche meno stronzo, diciamolo (ovviamente non è mica facile).
Precog_jumperAbbiamo la storia di Rudy Two, che si unisce ad un gruppo di supporto per chi ha subito la tempesta di superpoteri. La leader del gruppo, Maggie, è una vecchina simpatica che ha l’abilità di ricamare maglioni con immagini del futuro (dei jumper davvero carinisssssimi, secondo me avrebbe spopolato sul mercato). Uno di questi è destinato a Rudy Due che crede di aver trovato uno scopo nella vita: formare una sorta di gang di supereroi. Le cose sembrano andare al proprio posto quando incontra Sam, un ragazzo capace di volare, Helen (con cui poi ha una storia) che controlla l’elettricità, e Karen che è in grado di mimetizzarsi. Scopriamo poi che le cose non vanno esattamente come previsto.
Finalmente Rudy One e Jess iniziano una relazione (saltellavo per casa io..), ma niente è facile per i disadattati di Misfits. Finn è innamorato di Jess, Rudy non sa come dirlo all’amico, e intanto il telecinetico viene posseduto da degli Scouts satanisti (avete letto bene).
misfits501aAbbey scopre di essere la manifestazione di una ragazza di nome Laura, che ha il potere di portare in vita dei personaggi immaginari. Ecco perchè la povera Abbey non ricordava nulla della sua vita prima della tempesta, e probabilmente è pure il motivo per il quale si innamora di un uomo intrappolato nel corpo di una tartaruga (non affezionatevi, non finisce bene).
Per non farci mancare niente, a un anno dalla tempesta (tempi narrativi piuttosto liberi direi) Rudy Two e Abbey decidono di dare un party. Non l’avessero fatto mai. E’ l’inizio della fine.
Come ho detto, ho tifato davvero per la coppia Rudy/Jess, e amato come si sono susseguiti gli episodi fino ad un epilogo davvero fantastico, con i gran colpi di scena che solo Misfits ci riserva.
Nel suo strano modo ci ha dato un Happily ever after anche questa stagione, beh non considerando i numerosi morti che ci siamo lasciati dietro. Ma questi sono inutili dettagli mi pare.

misfits-season-5A chi non si è convinto di finire Misfits, perchè troppo abituato a Simon, Kelly, Nathan, Curtis e Alisha, vi dirò che la quinta stagione, passata un po’ fra l’indifferenza della gente, merita molto. O almeno, esclusa la quarta, l’ho trovata quasi al pari delle prime serie, anche se rimango fedele ai primi disadattati che abbiamo conosciuto. Eppure Rudy non posso non amarlo. Non posso non shipparlo con Jess, sono una delle coppie più atipiche della storia. Lui è davvero un coglione, eppure uno che cresce un sacco durante le stagioni, ed è proprio questo che mi porta a tifare sempre per lui, anche se a volte lo prenderei a mazzate sui denti. Quindi, give him a chance, give them a chance. A tutti.

Amateli con me (al massimo fatevi una cantata con i The Lumineers se proprio non apprezzate).

 Come ogni serie britannica da rovinare, gira la voce di un possibile remake americano. Dio ce ne scampi!(vedasi Skins USA, al solo pensiero ho dei conati).
Spero di avervi aiutato a ricordare un po’ questa fantastica serie, probabilmente sottovalutata da molti, vi lascio alla top5 dei momenti migliori dalla prima alla quinta stagione, redatta proprio dai fans di E4 e presentata da quel figo di Alex (Matt Stokoe), e vi consiglio di andare su youtube a cercarvi le interviste al cast, sono dei disadattati, pazzi e psicolabili. Non potrete non amarli.
Number #5
Number #4
Number #3
Number #2
And the Winner is

al prossimo viale dei ricordi.

-lilli