Gilmore Girls| Il video del Panel e traduzione.

Durante la reunion di Gilmore Girls che si è tenuta in Texas all’ATX Television Festival tutto il cast si è riunito per chiacchierare e per rispondere alle domande sulla serie e sul suo mancato finale che in tutti questi anni ci ha turbato! QUI potete vedere il video del panel mentre, continuando a leggere, potete trovare tutta la traduzione del panel, domanda dopo domanda. CG4lJgDW0AAkzA8

Subito dopo il saluto di Arielle Kebbel, che prima di interpretare Lexi in The Vampire diaries faceva parte proprio della Gilmore Girls Family nei panni di Lindsay, moglie di Dean, e una breve presentazione, entrano le 3 generazioni di ragazze Gilmore, Lauren Graham, Alexis Bledel e Kelly Bishop insieme alla creatrice della serie Amy Sherman-Palladino. (QUI tutte le foto dell’evento)

Partiamo con la prima domanda per Amy. ‘Dove eri, letteralmente e spiritualmente, quando ti è venuta l’idea di questo show?’ AMY: avevo appena deciso che non avrei più lavorato per la televisione perché ero appena uscita da un lavoro da incubo e pensavo ‘Non posso farcela, non voglio..’ e mio marito mi dice zitta e scrivi, scrivi qualcosa che vuoi scrivere e non pensare a se sarà qualcosa di bello e valido o no. Avevo poi un incontro con la WB e ho buttato li un po’ di idee e l’ultima è stata quella di una storia tra una mamma e una figlia che però sono più amiche che mamma e figlia e loro l’hanno comprato! Quando sono uscita ho pensato ‘non ho la minima idea di cosa potrebbe essere questa storia ma dovrò inventarmi qualcosa perché l’hanno comprato’. In una vacanza in Conneticut stavamo in uno stupendo hotel in autunno e c’erano alberi, zucche, e la gente parlava tra di loro.. io vengo da Los Angeles dove i vicini non si parlano e si guida a tutta velocità senza guardarsi in giro, era stranissimo. Lì ho deciso l’ambientazione.. sembra carino, ci sono alberi.. Poi stavamo in un hotel e ho pensato lei potrebbe lavorare in un hotel.. ero disperata.. poi avrà dei genitori che non possono vivere tanto vicino.. e con l’arrivo del lunedì tutto aveva preso forma. ‘Ho letto che alcune scene le hai scritte proprio in quell’hotel’ AMY: ho scritto la scena della cucina in cui tu [Lauren] dovevi leccare un cucchiaio, scusa. Non so neanche perché te l’ho fatto fare.. ma sì, avevo un idea, ho scritto i dialoghi e poi l’abbiamo veramente girata. ‘E dove lo tiene quel copione originale?’ AMY: Da qualche parte in una scatola, dove si tengono le scatole, non lo so. Dovrei cercarla e vedere se mi porta un po’ di felicità! ‘E per Lauren, Alexis e Kelly. Mi piacerebbe sapere quando siete venute a conoscenza di questo copione e come è andata la vostra audizione’ LAUREN: avevo sentito parlare di questo copione ma ero già in un altro show chiamato M.Y.O.B. per NBC, uno show di mezz’ora, quindi non ero disponibile e inoltre ero a New York.. è come quando ti dicono di atteggiarti come non disponibile per piacere di più ad un ragazzo ma non riesci a farlo.. in questo caso ero davvero impegnata e quindi continuavano a mandarmi proposte. Alla fine hanno iniziato a vedere altra gente e fare audizioni e mi hanno detto ‘sappiamo che sei impegnata al momento ma verresti a fare un audizione?’ e così ho fatto tutto nello stesso giorno.. ho incontrato Amy, abbiamo lavorato per un po’. Fino ad allora ho avuto dei ruoli andando all’audizione e dicendo delle battute. Ho cercato di fare la stessa cosa li ma Amy mi ha fermato subito ‘non farai mica così, vero? Lo farai proprio come ho scritto io!’ ma è stato tutto molto veloce. Ma voglio parlarvi della prima volta che l’ho letto, perché non l’avevo ancora letto quando continuavo a dire che al momento non potevo, e quando finalmente l’ho fatto è scattato qualcosa. Ricordo che Christopher Reeve ha detto ‘sai veramente che una parte è perfetta per te se non riesci a sopportare l’idea che qualcun altro lo faccia al tuo posto’ ed è esattamente come mi sono sentita ‘questa è mia.. non posso sopportare di vedere qualcun altro farlo’ . Sono andata a fare tutte le audizioni con questa cosa in mente e tu [Alexis ] eri già state scelta ma non ti ho conosciuto fino a quando non abbiamo iniziato a lavorare… oddio sto parlando tantissimo ma tanto abbiamo tre ore quindi mi prendo il mio tempo.. e quindi all’ultima audizione eravamo rimaste in due, credo fosse anche il mio compleanno, e l’altra attrice non aveva una macchina quindi l’ho riaccompagnata in hotel e durante tutto il viaggio il mio cellulare continuava a squillare e non ho voluto rispondere fino a quando l’ho lasciata in hotel.. è stato velocissimo, ho avuto il lavoro e sono andata in Canada, ho incontrato Alexis ed eccoci qui. ALEXIS :Sarebbe stato stupendo se avessi risposto in macchina e avessi ottenuto il lavoro di fronte a lei e fare ‘ho avuto il lavoro, non ci credoo, l’ho avuto’ e lei seduta li ‘io non ho nessuna chiamata, sono in una città straniera, non ho un lavoro..’ Sarebbe stato stupendo! ‘E tu Alexis?’ ALEXIS: io ero al NYU ed mi ero appena interessata alla recitazione e facevo la modella per pagarmi la scuola e quando sono andata a fare l’audizione avevo l’influenza perché nel mio ultimo lavoro di modella, in pieno inverno, mi dovevano lanciare addosso giganteschi secchi d’acqua e scattavano le foto dell’acqua che mi arrivava addosso e pensavo ‘questa storia di fare la modella non funziona molto‘..e quindi mi sono avvicinata alla recitazione perché con la scuola di film ho filmato gli studenti di recitazione mentre lavoravano in modo che poi loro potessero rivedersi e migliorare e mi sono ritrovata ad avere un sacco di opinioni su come gli attori potessero interpretare le scene e allo stesso tempo avevo un po’ di audizioni da fare che la mia agenzia di moda mi mandava quindi questa era la mia quinta o sesta audizione e non avevo la minima idea di cosa stavo facendo ma ho avuto il copione e ho avuto quella bellissima esperienza che gli attori hanno che leggono e capiscono immediatamente chi è quella persona, quel personaggio, che voce ha, che cosa pensano e come ha detto Lauren hai quella connessione immediata, sapevo esattamente chi fosse. Quindi sono andata con il raffreddore e mi hanno richiamata per 4 o 5 volte e non sapevo bene cosa stesse succedendo ma ho avuto il lavoro! ‘Kelly’ KELLY :Ok. Io ero una classica attrice newyorkese. E odio fare audizioni. Non penso di averlo fatto molto bene infatti AMY: Ti sbagli KELLY: Magari mi sbaglio ma.. no seriamente ogni attore fa la sua miglior audizione 20 minuti dopo la fine dell’audizione mentre sta andando verso casa e pensa ‘ooh. Potevo farla così’. Ma amavo questo progetto, guardavo le battute e pensavo ‘sono questa donna, so esattamente chi è.. amo queste parole’.. e ogni tanto ti danno un copione il martedì per il giovedì e ti chiedi perché non ti danno almeno un minimo di tempo per capire il personaggio e pensare come interpretarlo.. in questo caso avevo avuto tempo e quindi avevo lavorato queste due scene fino a saperle bene per non fare quelle scene in cui ti devi portare dietro il foglio e quindi ho girato il video in NY e pensavo fosse una bella audizione e penso sempre di portarmi sfiga se dico che è un gran copione quindi dico grazie e me ne vado facendo finta di niente ma non ho potuto resistere e ho detto ‘è veramente un buon copione’ e sono andata e poi non mi hanno più ricontattata mi hanno detto che era piaciuto ma poi non avevo più saputo niente quindi continuavo a chiamare il mio agente che mi diceva che avrebbero fatto i provini per i due leader in settimana e avrei avuto notizie la settimana dopo e invece niente. Ho richiamato e mi ha detto che avrebbero dovuto fare altre audizioni e il tempo continuava a passare quindi ho finalmente detto ‘basta è finita, a questo punto penso non mi chiameranno più’ e poi contattano il mio agente e i producer dicono ‘oh si si ha il lavoro’ e così ho avuto il lavoro. ‘Parlatemi del primo giorno sul set. Lauren hai detto che tu e Alexis vi siete incontrate quando eravate già li a lavorare. Come è stata la vostra prima scena e avete dovuto essere madre e figlia? AMY: era con l’altro Dean LAUREN: c’era un altro Dean.. un Dean canadese AMY: c’erano due Dean canadesi e poi abbiamo capito.. dobbiamo andare di americano LAUREN: Se era un ragazzo che camminava e parlava a raffica pensavi fosse uno studente di lettere o simile ma due ragazze che parlavano a raffica di colori per dipingere o libri.. e abbiamo fatto questa chiaccherata camminando verso scuola e.. vai tu [Alexis] ALEXIS: Era la mia prima scena e abbiamo fatto moltissimi take perché non sapevo come stare con la camera. Dovevamo camminare una accanto all’altra restando però entrambe nell’inquadratura e quindi dovevo camminare dietro a Lauren ma non lo sapevo quindi lei doveva prendermi e spostarmi per essere sicura che rientrassi nell’inquadratura.. LAUREN: mi vedete sempre con le mani su Alexis nei primi episodi.. ne abbiamo parlato prima.. parte del ‘wow hanno avuto subito chimica’ era prenderla sottobraccio e spostarla fisicamente in continuazione ‘no aspetta mettiti qua.. no, più di là.. ecco ce l’abbiamo fatta!’ ALEXIS: per recitare devi metterti sul tuo segno senza guardare per terra e io non ero mai sul mio segno nella prima settimana di riprese quindi lei mi tirava per cercare di aiutarmi a sistemarmi.. questo è quello che mi ricordo. Poi ho imparato che quando sei microfonato lo sei per tutto il tempo poi, di qualsiasi cosa tu stia parlando.. ‘Parliamo di questi copioni. Erano 20 pagine più lunghi dei copioni tipici?’ LAUREN: come minimo.. erano minimo 20 pagine più lunghi. Gli show di un’ora hanno generalmente copioni di 60 pagine e i nostri erano generalmente di 85. Ma poi è evoluto.. è diventato sempre più lungo e non tagliavamo nulla. Usavamo ogni singola scena dovevamo solo velocizzare tutto. All’inizio ero solo io poi noi e alla fine tutta la città era sotto gli effetti di qualsiasi cosa sia che ti fa parlare a quella assurda velocità.. quindi sono diventati sempre più lunghi. Fine. AMY: quando abbiamo fatto il pilot dovevamo fare una ‘pilot presentation’ che significa che fai degli spezzoni di pilot e io non capisco. Come fai a capire se ti piace se non vedi tutta la storia. Mi è piaciuta la scena della doccia ma.. cosa?.. quindi ho preparato degli spezzoni che però erano una storia completa ed erano circa 65 pagine e mi continuavano a dire ‘devi tagliare, è tropo lungo’ e io dicevo ‘non posso provarlo al momento ma credo che non sarà troppo lungo’ e quindi l’abbiamo girato ed era tutta la storia completa ma era 15 minuti in meno al necessario per essere mandato in onda e mi hanno fatto inserire altre scene che non dovevano essere nel pilot solo perché non mi hanno dato retta! So poche cose nella vita ma questa era una di quelle. ‘E come era per voi, specialmente per te Lauren, imparare così tante battute e doverle ripetere a quella velocità?’ LAUREN: è un po’ come io sono nella vita quindi imparare tutte quelle pagine ogni giorno non è stato difficile. Ho una buona memoria il che però è stato un problema perché Amy ha cominciato a darmi le pagine quando mi facevano il trucco. La parte difficile è stato il parlare durante le camminate e dire tutto alla perfezione perché c’era sempre la possibilità che una delle due sbagliasse una battuta o che il cameraman inciampasse quindi diventavano delle maratone immense cercando di trattenere il fiatone pensando ‘è quasi finita è quasi finita.. non cadere, non cadere, non cadere’ il tutto cercando sempre di mantenere quella luce e quella freschezza come se quelle parole uscissero spontanee dalla nostra testa. Queste erano le sfide e sono peculiarità di questo show che non ho mai affrontato in nessun altro lavoro. E’ molto simile al teatro, molto tecnico e molto parlato più di qualsiasi film o telefilm.. per me era il paradiso. ‘E’ impossibile pensare alla Gilmore family senza nominare Edward Herrmann’ AMY: Mi manca molto e sono solo molto grata di aver potuto lavorare con lui e di averlo sentito pronunciare le mie parole e di averlo sentito sgridarmi per avergli fatto fare troppi take. Si lamentava giornalmente dicendomi ‘non siamo burattini’ e sicuramente lui non lo era. Lui era il nostro Mr President.

Dopo il filmato in onore ad Edward fa il suo ingresso il resto del cast (mentre si vedono chiaramente Alexis Lauren e Kelly che si asciugano le lacrime visibilmente commosse dal filmato). Dan Palladino, Scott Patterson (con più panza e meno capelli di quanto ricordavo), Milo Ventimiglia (sempre molto figo), Keiko Agena, Yanic Truesdale, Liza Weil, Matt Czuchry, Liz Torres, Jared Padalecki, Danny Strong, Jackson Douglas, Todd Lowe, John Cabrera e una sedia vuota per Ed.

‘Benvenuti. E’ fantastico avervi tutti qui. Ovunque mi giravo qui in Austin vedevo gente dibattere di Dean vs Logan vs Jess. Cosa pensate voi ragazzi?’ MILO: Io l’ho sempre detto.. Sono team Dean! JARED: Io stavo giusto dicendo team Jess. Adoro anche Matt ma sono sempre stato team Jess. Adoro Milo ho sempre pensato fosse cool e sexy e bellissimo. MILO: Grazie amico, è una di quelle strane cose perché non riguardano noi le scelte di Rory. Noi ci conosciamo tutti quindi è difficile. Logan era un coglione ma Matt è fantastico quindi tifo un po’ per tutti. MATT: Amy ha detto che sono stati tutti il fidanzato giusto al momento giusto e penso che sia stato proprio così per Dean, Logan e Jess. Hanno tutti tirato fuori qualcosa da Rory che lei aveva bisogno in quel momento. Ma comunque ero team Jess. JARED: Comunque ve lo dico. Se Milo non fosse stato qui sarei stato assolutamente team Logan! ALEXIS: credo sia molto ingiusto quando chiedono a me di sceglierne uno perchè sono tutti attori fantastici con cui lavorare. E’ ingiusto. SCOTT: Penso di poter avere l’ultima parola a riguardo. Nessuno di voi era abbastanza per Rory, grazie mille. ‘Come hai fatto, Scott, a trovare quella dimensione in cui eri scorbutico ma anche emotivo e sensibile con le persone che ami?’ SCOTT: L’audizione per le Gilmore era la seconda di tre che dovevo sostenere quel giorno e mi stavano facendo fare tardi per la terza in cui dovevo essere il partner maschile di Carmen Electra, avevo problemi col parcheggio.. non ero in un ottimo umore.. ero di fretta e stavo per prendere una multa pensavo ‘dai muoviamoci, non otterrò questo lavoro tanto. Questo copione è troppo valido e io non sono nessuno’ e li l’ho trovata.. nella sala d’attesa. ‘Ed Amy quando hai visto Scott..’ AMY: Boom.. abbiamo finito. L’abbiamo trovato andiamo oltre. Ci sono show che funzionano e non sai nemmeno perché. Le stelle si allineano e la persona giusta entra nella stanza. Ed è stato esattamente così con questo show. Puoi avere la sceneggiatura migliore, il regista migliore, l’ambientazione migliore e comunque non funzionare. Quello è stato il mio giorno fortunato. ‘Come è stato per voi quando la serie ha inziato a essere trasmessa da netflix.’ DAN: abbiamo trovato una nuova generazione di fans che ci fermava per strada. Con internet tutti potevano sapere che faccia avevamo sfortunatamente. La gente veniva da me e Amy ed era la generazione futura. Erano embrioni quando la premiere dello show è andata in onda. Mio nipote continuava a dirmi che eravamo tra i trending e faccio ancora fatica a capire esattamente cosa significhi ma è stata sicuramente un esplosione. AMY: siamo andati in un ristorante e ho lasciato la carta di credito quindi sono dovuta tornare a prenderla il giorno dopo e c’era una fila di ragazze che facevano finta di guardare il muro e una facendo finta di pulire mi chiese se avevo lasciato la carta di credito. Io ho chiesto ‘si avete fatto shopping accreditandomi un sacco di spese?’ lei mi fa ‘no voglio solo chiederti se sei quella delle Gilmore girls’ e poi si gira dalle altre urlando ‘è lei è quella delle Gilmore girls!’ e c’erano 4 ragazze ventenni tutte entusiaste e l’unica cosa che riuscivo a pensare era ‘siete troppo giovani ‘Liza Weil, uno dei miei personaggi preferiti. Ci credi che hai fatto l’audizione per Rory?’ LIZA: Si. Si è vero ho fatto l’audizione per fare Rory e ho incontrato Amy. Poi mi hanno chiamato dicendomi che ero piaciuta ma non pensavano fossi quella giusta per il ruolo. Se funziona magari trovano qualcosa per te. E’ stato molto bello. Non mi era mai successo prima. Ho pensato siano stati molto carini e poi lo show ha avuto successo e hanno scritto Paris, la versione giovane di me era molto spaventata che il ruolo scritto per me era quello ma ora penso che sia molto lusinghiero e gliene sono molto grata. Dovevano essere solo 3 episodi e invece poi ha continuato. È stato bello. DAN : abbiamo parlato del processo del casting ma abbiamo avuto anche l’opportunità di scrivere personaggi appositamente per attori che già conoscevamo e Liza è stata una di quelle perché Amy l’aveva già incontrata. Un altro è stato Danny per interpretare Doyle, conoscevamo Danny e abbiamo pensato che fosse perfetto per Doyle e Milo. Amy l’ha trovato e abbiamo scritto il personaggio appositamente per lui AMY: ho visto Milo fare un pilot che poi non è stato confermato e ho pensato ‘non so per che personaggio ma lo voglio prima che se lo prenda qualcun altro. Proviamo e non riattacchiamo il telefono finchè non riusciamo ad ottenerlo.’ Al tempo avevamo un sacco di libertà con il casting ed era fantastico perché adesso è un processo più preciso, ma deve essere qualcosa di stomaco. Devi vedere qualcuno e sentire che è quello giusto. Qualcuno per cui sarai stimolato a continuare a scrivere storie MILO: Me lo ricordo. Quando sono arrivato non c’era Jess. AMY: con Matt è stato uguale. Sapevo di volere un fidanzato del college e non doveva essere un altro che sarebbe caduto ai piedi di Rory. Doveva essere ‘guarda io ho un sacco di ragazze e tu sei carina ma ne ho altre 4 che mi aspettano’. MATT: un po’ un coglione insomma AMY: un po’ un giovane ragazzo del college mi piace pensare. Hai letto per Jess forse quando sei venuto ai casting. MATT: sono venuto due volte per due diversi personaggi negli anni e poi è arrivato Logan. AMY: abbiamo scritto una scena speciale per Logan, per dire questo è il ragazzo che vogliamo come ragazzo di Rory ma non c’entrava niente e l’abbiamo tagliata e riscritta da capo ‘Mi chiedo cosa pensate stiano facendo ora i vostri personaggi’ KELLY: Penso che se Richard fosse ancora con noi lui e Emily sarebbero ancora gli stessi. Penso fossero a loro agio con quella vita, il country club e la gente giusta e probabilmente starebbero ancora litigando ma ora Emily è una vedova ed è completamente un altro mondo. Mi chiedo proprio cosa farebbe.. SCOTT: ci sono due scenari in uno Luke è ancora in città e nell’altro si è trasferito al lago. Non so perché. Il numero 40 miglia al lago mi salta in mente. Ecco dove sarebbe. Ha riaperto Luke’s diners e sarebbe un negozio di esche e pesca pesci. LAUREN : Ha una ragazza? SCOTT: No no no. Ci sto arrivando. Sto facendo il giro largo. Dicevo, prima di essere brutalmente interrotto, che Lorelai eri li per una lezione di pesca e campeggio DAN: stai prendendo appunti Amy? AMY: Ho segnato tutto MILO: Penso che Jess sarebbe in giro a fare Jess essendo figo e creativo e scappando ogni qualvolta si trova in mezzo a troppe persone KEIKO: nella mia immaginazione Lane sta cercando di capire che tipo di mamma vuole essere. Penso voglia essere Lorelai ma nel suo cuore è una piccola signora Kim e spero stia ancora suonando con gli Hape Alien YANIC: Per me è difficile. Non ho mai capito come sia finito Michel in quella città ma sicuramente sta dando ordini a qualcuno, magari in un suo hotel. Oppure è tornato a Parigi perché non sopportava più gli americani. Non so. LIZA: mi piace pensare che Paris e Doyle stiano ancora insieme. Penso che siano proprio una bella coppia. MATT: Logan non sta sicuramente lavorando. E’ tutto quello che so. LIZ: Ho sempre pensato che la signora Patty sarebbe finita sindaco della città senza però sapere cosa stesse facendo, finendo quindi a chiamare Taylor alle 3 di notte. JARED: Dean sta probabilmente lavorando duramente al supermercato ancora ma non più al Doosey ma al Dean market. DANNY: sicuramente sposato con Paris e un reporter che lavora per un sito web. JACKSON: è difficile. Non voglio non rispondere ma una delle cose più belle era scoprire cosa dovevo fare quella settimana o in quell’episodio. Ero un po’ lo scemo del villaggio. Penso che Amy si sedeva e pensava ’come posso torturare Jackson?’. Voglio dire… Le verdure, il tacchino fritto, le scarpe, il campo di marijuana. Ma per risponderti direi che la vasectomia non ha funzionato e ha 42 figli e ho una fattoria di figli adesso. Questa è la risposta migliore che mi viene. TODD: Zach è sicuramente tornato nella sua città di origine con la sua bella moglie e il suo amico e fa rock nei posto in cui faceva il cappuccino per le persone JOHN: qualcosa di simile è successo a Brian penso. E ho sempre immaginato che Brian creasse un app. Magari una sulla musica. Ma mi piace pensare che sia molto vicino ai gemelli [figli di Lane e Zac] e siano i suoi migliori amici.. TODD: stiamo andando sull’inquietante adesso ‘Amy hai già parlato della speranza che avevi che ti chiamassero per scrivere il finale della serie..’ AMY: si, non era tecnicamente possibile perché lo show non c’era più ma ci speravo. Era difficile dire basta. Così urlavo ‘cut’ durante la notte a Dan e lui mi diceva di superarla, che era finito. ‘Hai mai riguardato la settima stagione?’ AMY: si mi è capitato. Non di proposito. Ho spesso la tv sulla Abc family, non so cosa dica questo di me, e trasmettono ancora Gilmore e ogni tanto vedo puntate che non avevo visto e dico ‘ah non mi ricordavo i capelli di Alexis così’ o ‘cosa era questa conversazione e perché è così lunga?’ e quindi mi ci trovo davanti avendo sempre la tv accesa. ‘Scott hai recentemente fatto un intervista in cui hai lasciato intendere di un possibile film..’ SCOTT: non ho detto nulla. E’ la domanda più frequente che mi sento fare e quella è la mia solita risposta. Penso che sarebbe una lettera d’amore ai fans che hanno reso questo show così grande e che sia ora. Non voglio mettere pressione a nessuno era solo un piccolo podcast. Ero con questi due ragazzi che erano in GG a bere tea e chiacchierare in onore dei vecchi tempi e la domanda è inevitabilmente arrivata e ho detto quello che ho detto. Subito dopo iniziano ad arrivarmi chiamate in cui mi dicono che è diventato virale ed ero molto sopreso, era solo un piccolo podcast AMY: non c’è niente al momento, mi dispiace, ma ecco il lato positivo. Nessuno qui si odia, questo è importantissimo, ma dovrebbe essere tutto perfetto. Il giusto format, il giusto tempismo, il giusto budget. Dovrebbe rendere onore alle serie e penso che se veramente ci sarà mai l’occasione saremo tutti felici di farlo ma sfortunatamente non è una possibilità al momento. ‘Se fosse.. con il budget e tutto.. in quale forma lo fareste? Un film o una serie su netflix?’ AMY: non saprei. Non riesco a visualizzarlo al momento perché non è reale. Se mai succederà vi prometto che lo faremo nel modo giusto! ‘Tutti vi chiederanno, io stessa penso di averlo già chiesto, quali sarebbero state le ultime quattro parole quindi io non ve lo chiedo. Ve ne chiedo una? La parola finale.’ DAN: limburgers AMY: ci ho pensato molto. Sempre preoccupata di deludere, ma non so. Mi immagino sempre sul letto di morte che continuano a chiedermi le ultime quattro parole ‘non puoi morire finche non me le dici’ ‘Chi lo sa quali sarebbero state queste ultime 4 parole? Dan tu lo sai?’ DAN: Si le so. Le so da 15 anni circa. Vuoi che te le dica? Limburgers è una di quelle. No no è un segreto ‘Alexis e Lauren lo sapete voi?’ A&L: non lo sappiamo DAN: Alexis mi ha rinchiuso in uno sgabuzzino prima ma non gliele ho dette. ALEXIS: non ha funzionato, non sono abbastanza forte. LAUREN: Io non le voglio sapere. Solo se sono io a dirle o se le dicono a me.. capite cosa intendo? Sarei triste solo sapendo non sarei stata parte di quell’ultimo momento ‘Voglio dare l’ultima parola ad Amy. Voglio sapere che posto ha nel tuo cuore questo show in mezzo a tutte le cose che hai fatto’ AMY: Ne hai solo uno di show così nella carriera. Quella cosa che sai che se ogni altra cosa che provi fallisce e finisci ubriaca nel dimenticatoio sai di avere questo show giusto. Lo dicevo sempre quando facevo Gilmore. Dopo di questo è tutto in discesa. Non riuscirò mai ad arrivare allo stesso livello di questa esperienza, questo cast, queste persone. Non succederà mai più e va bene così perché questo business è così.. qualcuno è fortunato e qualcuno no e , Dio, sono stata veramente fortunata!

Dani & Lilli